I fiumi verdi tra Piemonte e Svizzera: il Torrente San Bernardino

torrente san bernardino verbania val grandeC’è un fiume, vicino a Verbania, prendendo una piccola deviazione a Fondo Toce e seguendo una strettissima stradina in mezzo al bosco, che pochi conoscono, e che ha le acque verdi come lo smeraldo, rocce levigatissime bianche e grigie, cascate e una vegetazione rigogliosa. E’ il Torrente San Bernardino.

Acqua gelida, anche nelle estati più torride.

Di una bellezza sconcertante.
Ancora uno dei miei luoghi preferiti al mondo, a un’ora e mezza da Milano.

Il Torrente San Bernardino, Verbania (Val Grande)

Il fiume si chiama San Bernardino da un convento cinquecentesco che sorgeva alla sua foce, oggi distrutto; scava piscine e scivoli naturali in una gola così verde che vi sembrerà di stare nella Foresta Amazzonica.

Non amo viaggiare in Italia, ormai lo sapete. C’è però questo piccolo luogo fuori dal tempo e dallo spazio che, Italia o non Italia, ha un posto speciale e privilegiato nel mio cuore. Un paradiso vero.

torrente san bernardino sentiero

Si riesce a fare il bagno solo d’estate, l’acqua è tanto verde quanto ghiacciata! Ma che goduria per il sistema circolatorio 😉

Nei giorni infrasettimanali non c’è mai nessuno: nonostante sia appena dentro (o appena fuori? chi sa dov’è precisamente? non prende il cellulare!) il Parco Nazionale della Val Grande, è così lontano dalla civiltà che se pianterete la vostra discreta tenda per una notte romantica in riva al torrente nessuno vi dirà niente. Il free camping è assolutamente fattibile: c’è uno spiazzo con persino il letto già pronto per un piccolo fuoco proprio lungo il sentiero e un paio di minuti prima di arrivare alla spiaggetta sul fiume.

Attenti ai fuochi, però, che sono sempre rischiosi anche solo perché segnalano la vostra posizione.

acqua torrente san bernardinoIn mezzo al bosco fittissimo, un po’ mangiate dalla vegetazione, un po’ dal tempo, spuntano, sparse, le piccole cappelle di pietra grigia di fiume, tutta luccicante di scagliette argentate, con i tetti spioventi, che tendono a quelle magiche e senza tempo dei Sacri Monti lì intorno.

Più si risale il fiume più le gole si fanno strette e diventa difficile accedere dalla strada, ma le “scogliere” diventano perfette per i tuffi! State solo attenti alle profondità, incredibilmente variabili, e alle cascate – generano una corrente fortissima e a tratti pericolosa.

Trovate il punto perfetto per voi e custoditelo con amore. Aspettate che il sole si levi o scenda per apprezzare altre e nuove sfumature di verde del torrente, rilassatevi su un masso scaldato dal sole ascoltando il vento tra le fronde e il suono dell’acqua…

Altri fiumi segreti tra Piemonte e Svizzera

Fiumi analoghi, infiniti e nascosti ovunque, si trovano anche intorno a Domodossola e nel Canton Ticino, in Svizzera – ad esempio quello della Val Verzasca, su cui si slanciano i ponti “romani”, come li chiamano (ma che di romano non hanno nulla), ad arco doppio o singolo, fatti di pietra di fiume e senza ringhiere… Anche tra Rovegro e Cossasca, sul torrente San Bernardino, ce n’è uno.

Come raggiungere il Torrente San Bernardino

Vorrei che voi appassionati lettori condivideste questo segreto e parlaste di questo piccolo Eden solo con chi saprebbe apprezzarlo.

Chi fosse interessato ad avere indicazioni stradali più dettagliate, mi può scrivere in privato qui.
Non c’è un sentiero battuto, un luogo preciso a cui accedere: io so il mio e sarò contenta di rivelarvelo se lo vorrete 🙂

Scrivetemi qui per avere le indicazioni precise, risponderò con piacere.
Buona scoperta!
Ele

Forse ti può interessare anche...

Precedente Grecia, le Cicladi: c'è un'isola per te Successivo Free Camping: consigli per fare campeggio libero in sicurezza

Lascia un commento

*

Optionally add an image (JPEG only)